sabato 3 settembre 2011

Filetti di San Pietro alla mugnaia

Ammetto che il nome del piatto possa sembrar un po' blasfemo...ma avete mai provato il San Pietro?!
In 5 minuti potete risolvervi una cena, anzi se siete abbastanza abili potreste arrivare anche a 3 minuti!
La ricetta è la stessa della più classica sogliola alla mugnaia, ma vi assicuro che la differenza è abissale.

  • Filetti di San Pietro
  • burro, anzi molto burro!
  • salvia
  • farina
  • sale

Prendete dei filetti di San Pietro, o se è intero chiedete al vostro pescivendolo di pulirvelo perchè potrebbe esser inutilmente laborioso, ed infarinateli.
Mettete abbondante burro in padella, attendete che fonda ed inizi ad esser noisette (in gergo quando inizia ad assumer una colorazione marroncina, appunto color nocciola) a questo punto mettete i filetti di pesce e la salvia nel burro sfrigolante e appena il lato di cottura diventa bianco girate i filetti e salate.
A mio avviso è meglio rimanere un po' corti sulla cottura che stracuocere il pesce facendolo diventare stopposo.
Impiattate il pesce fumante con il suo burro di cottura e la salvia ormai fritta.


So che tanto burro non fa bene, ma una volta ogni tanto potete sopravvivere! Inoltre c'è una corrente di pensiero francese che sostiene che i grassi animali siano addirittura meno dannosi di quelli vegetali, se lo dicono loro... ; P

Nessun commento:

Posta un commento