sabato 10 settembre 2011

Tempura di salvia che bontà!

Cosa c'è di più gustoso di un aperitivo con salvia fritta calda e un vino ben freddo o meglio assiderato come diceva il vecchio Totò?!
Ho approfittato di una gita in campagna per coglier della salvia fresca profumatissima e..come vedete ho trovato un intruso in cucina! Tranquilli la povera malcapitata non è finita in padella, scorrazza ancora allegramente tra fiori e prati.

Cerca l'intruso!

Non c'è nulla di più semplice della savia fritta bastano farina, acqua frizzante, sale e olio per friggere.
Amalgamate insieme farina e acqua frizzante possibilmente fredda, finché non otterrete una pastella abbastanza densa, fate attenzione a non lasciar grumi, aiutandovi con una forchetta.
Vi state chiedendo come mai l'acqua frizzante?! Con le sue bollicine rende la frittura più leggera e vaporosa, piccolo trucco dello chef. : )
Fate riposare la pastella almeno 20 min in frigorifero per aver una frittura più croccante, ma se siete in ritardo come spesso mi succede usate la pastella anche appena fatta.
Immergete le foglie di salvia, precedentemente lavate e ben asciugare, nella pastella e poi direttamente nella pentola con l'olio bollente.
Quando la frittura è dorata asciugate la salvia fritta dall'eccesso d'olio nella carta da cucina e salate abbondantemente. That's it!

8 commenti:

  1. Chef, ho una domanda per te, che tipo di olio usi per friggere? l'ultimo che mi è stato suggerito in ordine di tempo per la sua capacità di raggiungere e mantenere alte temperature, è l'olio di arachidi. Io ho sempre fritto con extra vergine ma in effetti la differenza si sente eccome... che consigli?

    RispondiElimina
  2. Ciao Laura!Di solito uso gli oli che riportano la scritta "da frittura" che si trovano al supermercato, sono quelli che raggiungono le maggiori temperature.
    In alternativa l'olio di semi, se non hai di meglio, l'olio d'oliva va bene ma possibilmente non troppo denso.
    L'unico vero trucco è friggere solo quando l'olio è veramente bollente!!!!
    Prova e sappimi dire!

    RispondiElimina
  3. Da appassionato di salvia fritta suggerisco di aggiungere anche un bianco montato a neve alla pastella per il massimo "effetto tempura" e livelli di croccantezza davvero estremi!

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Sapete qual è il trucco per capire quando l'olio è davvero bollente?! Immergere il sedere di un mestolo e premerlo sul fondo della pentola, se frizza l'olio è pronto!!

    RispondiElimina
  6. @ Filippo: grazie del suggerimento!proverò sicuramente!!!!non vedo l'ora di scoprire nuove frontiere di croccantezza! ; )

    RispondiElimina
  7. @ Veronica: metodo molto interessante grazie Vero!!!appena provo ti dico!

    RispondiElimina
  8. Ma "l'intruso" al forno con tanto burro , prezzemolo e tanto aglio??

    RispondiElimina