lunedì 17 ottobre 2011

Pasta all'Eoliana New Edition...

Sogno o son desta?! Mi è appena tornata alla mente una pasta di quelle che non so come ho potuto dimenticare...Se non ricordo male devo averla assaggiata in una qualche isoletta sperduta delle Eolie in un microscopico ristorantino quando avevo poco meno di dieci anni assieme ai miei genitori.
Mi è subito venuto in mente il bouquet di profumi che poco a poco si svelano esaltandosi e contrastandosi lievemente e tutti i colori di questo piatto!

Per 2 persone:
  • 180gr di spaghetti, vi prego non spaghettini!
  • 1 scatoletta di tonno sgocciolato
  • 1 melanzana media
  • olive nere denocciolate
  • capperi di Pantelleria già sciacquati ( o passerete il resto della sera bevendo...)
  • scorza di limone
  • 10/15 pomodorini
  • aglio
  • peperoncino secco
  • vino bianco (facoltativo)
  • olio extravergine d'oliva
  • olio per friggere
  • sale
  • basilico



Per prima cosa tagliate le melanzane a cubetti e cospargetele di sale, lasciatele a riposare in modo che rilascino la loro acqua.
In padella fare un soffriggere l'olio d'oliva con uno o due spicchi d'aglio e un peperoncino secco, aggiungete il tonno e continuate a soffriggere. Tagliate a metà i pomodorini, aggiungeteli al soffritto e continuate il sugo a fuoco dolce.
In una pentola coi bordi alti o in un wok scaldate l'olio per friggere e quando è ben caldo friggete i cubetti di melanzana, quando sono dorati appoggiateli sulla carta da cucina per asciugarli dall'olio in eccesso.
Attendete che i pomodori si siamo un po'disfatti in padella ed aggiungete le melanzane, i capperi e le olive, fate cuocere ancora un attimo in modo che tutti gli ingredienti si amalgamino, se volete sfumate con un po'di vino bianco.
Cuocete la pasta in acqua salata un paio di minuti meno rispetto alle indicazioni riportate sulla confezione, scolatela e saltatela nel sugo a fuoco vivace. Solo un secondo prima di servire aggiungete il basilico e una grattata di scorza di limone, perfetta in tutte le paste con base di pesce.

Cara Mido spero di riuscire con questa ricetta a portarti un tocco di Italia e di calore nella piovosa Rotterdam!

Nessun commento:

Posta un commento