mercoledì 16 maggio 2012

In cucina con... Papà! Oca arrosto con lamponi, arance e grappa!

Se Verdone era in "viaggio con papà", oggi io sono in cucina con papà, un'impresa a vedersi quasi più ridicola del film! E' stata veramente dura convincerlo ma eccoci qua!

Un buongustaio di quelli vecchia scuola! Per lui il cibo deve esser sostanzioso, la cucina fusion lo irrita, per non parlare delle porzioni della nouvelle cuisine... Cultore della qualità degli ingredienti è uno dei miei assaggiatori ufficiali. E' in grado di dedicare un intero pomeriggio alla preparazione di una singola ricetta!
Ed ecco le domande di rito:

Evidentemente non è la foto di papà, è molto riservato e non voleva comparire. Cmq è sempre di casa! So che vi state ponendo delle domande ma tranquilli no, non va in forno! E' solo la nuova arrivata che volevo presentarvi ; )

In cucina con? Molta aspettativa per il risultato e tanta fame!

Come hai cominciato a cucinare? Essendo un goloso e rimanendo spesso deluso dalla cucina di casa (i riferimenti sono puramente casuali, troppo vegetariana...) ho deciso di rimboccarmi le maniche per cucinare piatti semplici con prodotti di qualità esaltandone il gusto genuino.

Per chi ami cucinare?  Per i miei amici buongustai e la mia famiglia.

Piatto preferito? Bollito misto con mostarda di Voghera.

La tua massima in cucina? Lasciatemi tranquillo.

La tua ricetta di oggi? Oca ruspante arrosto con lamponi e arance irrorata con la grappa. 

Più che un oca le dimensioni sono quelle di uno pterodattilo... Per la foto si ringrazia mammà e il suo estro creativo.
Per 6/8 pers circa:
  • Oca novella ruspante
  • 2 arance
  • 2 vaschette di lamponi
  • 2 bicchieri di grappa naturale
  • sale
Preriscaldate il forno a 160°C. Lavate i lamponi e preparate le arance a tocchetti. Farcite l'oca con metà dei lamponi e un arancio sbucciato e spezzettato, chiudete con uno spillone o del filo da cucire in modo che il succo e il ripieno non fuoriescano durante la cottura. Non dimenticate di salare abbondantemente. Cuocete una prima ora col dorso in su, al termine di questa levate il grasso colato nella teglia. 
Versate all'interno dell'oca, facendo attenzione a non bruciarvi, un bicchiere di grappa e bagnate con la restante, cospargete la teglia con i restanti lamponi e l'altra arancia. Cuocete per circa 2h a petto in su bagnando l'oca di tanto in tanto. Cuocete per un'altra ventina si minuti a 180° in modo che si colori uniformemente. Al termine della cottura sarà laccata e di un bel colorito ambrato.

Visto la mole dell'oca se doveste avere qualche avanzo potete utilizzarla in qualunque ricetta di insalata di pollo al posto di quest'ultimo.

6 commenti:

  1. E io adoro te e il tuo papà!!!!!!! Ho un oca ruspante nel congelatore e non sapevo come cavolo prepararla!!!!!!! Domenica la faccio! E poi ti dico!
    Contavo di vederti alla serata del Canederlo, mi aveva detto Giacomo che saresti stata dei nostri... Peccato non averti potuto abbracciare! Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ely! purtroppo era la stessa sera dell'Orticola, quella del post prima e sono andata un po' lunga coi tempi :) Spero di vederti prestissimo! Venuta l'oca? Se ti piacciono ricette con ingredienti belli rupsanti il mio papà è un pozzo di sapere!

      Elimina
  2. Ahahha bellissima intervista, e devo dire che ha una gran ragione! Stupenda la ricetta dello Pterodattilo :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo pterodattilo non delude mai :) in effetti è vero che in cucina si sta bene da soli ma è tanto più divertente in compagnia, e se va male si ordina una pizza!A prestoooo

      Elimina
  3. Che bel pranzetto! E chi è quel cucciolo meraviglioso???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cannella! Sono felice di conoscerti, benvenuta!Hai visto, un pranzetto di quelli un po'rustici ma che non deludono mai! Il cucciolino è l'ultima arrivata in casa, simpaticissima e molto vivace :) A presto!!!

      Elimina