martedì 23 ottobre 2012

Pollo laccato con senape di Dijon, miele e zenzero.

Primi freddi e grandissima nostalgia di Parigi... Il risultato è una ricetta di cosce di pollo francesizzata, uno dei tanti esperimenti inaspettatamente ben riusciti, un mix di sapori tradizionali e avvolgenti, con un tocco di brio asiatico dello zenzero. Il merito di questo esperimento va a tutti gli amici che dopo ogni viaggio possibile e immaginabile mi portano spesso e volentieri una senape speciale aromatizzata o naturale per la mia collezione, ebbene si, collezionare senapi da tutto il mondo può suonare strano ma vi assicuro che è estremamente utile in cucina!

Per 4 pers:
  • 8/10 cosce di pollo
  • 4 cucchiai di senape in grani (ne ho usata una aromatizzata al Cognac, ma una classica in grani andrà benissimo)
  • 4 cucchiai di miele di acacia
  • una grattata di zenzero fresco a piacere (facoltativo)
  • timo
  • mezzo bicchiere di Cognac
  • sale
Preparate la marinata unendo la senape, il miele e lo zenzero. Mettete la marinata in un sacchetto alimentare assieme alle cosce per farle insaporire, o se preferite in una ciotola coperta con della plastica, lasciate riposare in frigorifero almeno per mezz'ora.
Preriscaldate il forno a 210°C e mettete le cosce con la loro marinata su una teglia bagnandole con il cognac, salate leggermente e infornatele per 40/45 min, ricordandovi di girare il pollo di tanto in tanto, finché non vi sembrerà cotto e caramellato a dovere. Servite caldo e con un po' di timo.

4 commenti:

  1. eh a chi lo dici...quanto ci ritornerei volentieri a Parigi...troppo bella!
    intanto mi gusto pollo...di sicuro squisito!!!
    baci

    RispondiElimina
  2. Zenzero, cognac, senape in grani...che secondo strepitoso Giulia...Questo me lo segno e lo proverò già stasera :-)
    simo

    RispondiElimina
  3. Meriviglioso! Semplicissimo, ma di grande effetto! Bravissima!

    RispondiElimina
  4. Un pollo che di certo non può essere considerato banale!!! E' bellissimo con la sua lucida copertura e il mix di sapori lo rende un piatto raffinato e di alta cucina.
    Complimenti davvero!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina