mercoledì 31 ottobre 2012

HAPPY HALLOWEEN!

Il tempo stringe... La notte più magica dell'anno è alle porte e voi avete preparato la vostra zucca?!
Correte a comprare una zucca e seguite le istruzioni cliccando qui, in pochi minuti avrete una lanterna invidiabile e con la polpa avanzata potrete preparare una delle mille ricette di Arnalda! Quindi cosa aspettate?!

TRICK OR TREAT?!?!?!

martedì 30 ottobre 2012

In cucina con Céline e la sua Tarte aux fruits!

Oggi sono in cucina con...Céline !

Céline è la famosa designer di Tità Bijouxla creatrice degli orecchini in pizzo che tutte le donne conoscono e sognano. Cresciuta tra Parigi, i Caraibi e Milano ha fatto della sua creatività una vera professione lavorando con la mamma e le amiche in un piccolo e coloratissimo atelier dove tutti sono i benvenuti anche solo per due chiacchiere. Simpatica e poliedrica si diletta nelle attività più disparate: dal canto, alla danza del ventre e appena ha un secondo libero esplora i fondali marini. Ad animare le sue giornate ci pensano un meraviglioso chihuahua inevitabilmente oversize, visto la sua abilità in cucina, e due gatti.


In cucina con? Tanta buona volontà e la speranza di non bruciare la cucina!

Come hai cominciato a cucinare? Ho cominciato a cucinare molto di recente, da quando sono andata a vivere con il mio fidanzato. Prima di allora avevo sempre pensato di essere una vera frana in cucina, non mi piaceva nemmeno! Ma di necessità virtù e così ho scoperto che stare ai fornelli non è poi tanto male, anzi!

Per chi ami cucinare? Amo cucinare per il mio fidanzato, Josef, che, anche quando mi cimento in piatti che non riescono proprio al meglio, apprezza e mangia con gusto!

Piatto preferito? Ho tanti piatti preferiti, amo mangiare, mi è sempre piaciuto ed è difficile trovare qualcosa che proprio non mi piaccia, ma se dovessi scegliere un piatto in particolare sarebbe probabilmente il fois gras in gelatina di moscato che la mia mamma prepara Natale!

La tua massima in cucina? "Ritenta, sarai più fortunata" sono una neo-cuoca e non tutto mi riesce sempre al primo colpo!

La tua ricetta di oggi? La mia ricetta di oggi è una tarte aux fruits che ho assaggiato la prima volta 7 anni fa a St. Tropez! Mi era piaciuta così tanto che ho tentato di farla diverse volte finché non ho trovato la combinazione giusta! E' semplicissima e veloce, ma resta una delle mie torte preferite!

  • Pasta frolla pronta
  • qualche cucchiaio di zucchero di canna
  • miele mille fiori o d'acacia
  • timo a piacere
  • una decina di fichi maturi
Srotolate la pasta sfoglia (comprata già pronta) sul suo foglio di carta oleata, spolveratela di zucchero di canna, un velo di miele e qualche fogliolina di timo. Ricoprite la pasta con un altro foglio di carta da forno e sistemateci sopra un piatto dello stesso diametro o leggermente più piccolo.
Infornate a 180° in forno preriscaldato e ventilato per 10-15 minuti sorvegliando la cottura: la pasta deve essere caramellata e dorata. Nel frattempo tagliate in 4 i fichi.
Quando la pasta è cotta, toglietela dal forno e levate la carta da forno che la ricopre.
Disponete i fichi a raggiera e cospargeteli di zucchero di canna e fiocchetti di burro. Salate leggermente (pochissimi granellini di sale) per caramellare meglio la frutta.
Infornate di nuovo per 15-20 minuti circa (sorvegliando sempre la cottura) e servite tiepida accompagnata , per i golosi, da una pallina di gelato alla vaniglia o alla panna.
Ottima anche con le mele tagliate a fette sottilissime (in quel caso anziché miele e timo, usate la cannella), con le pere o con le prugne (aromatizzate con limone e vaniglia).

venerdì 26 ottobre 2012

Guacamole light per ogni occasione!

Scordatevi il guacamole chimico del supermercato, o quello indigesto del messicano dove vi ostinate a cenare senza sapere esattamente perché. Il guacamole migliore si fa in casa in un istante spendendo anche meno! Per voi che so che non amate ho levato ogni traccia di cipolla e anche i pezzettini di pomodoro con cui ci si macchia sempre, lasciando un guacamole che sono quasi certa diventerà uno dei piatti di cui non saprete più fare a meno durante ogni cena, aperitivo o partita davanti alla tv!


Per 4 pers:
  • 1 avocado maturo
  • 1 limone o lime
  • 1 cucchiaino d'olio
  • 2 cucchiai di philadelphia anche light (facoltativo) o formaggio simile
  • sale
  • pepe
Tagliate l'avocado a metà e levate il nocciolo, aiutandovi con un cucchiaio mettete la polpa in una ciotola. Aggiungete il succo di limone, che darà sapore e aiuterà l'avocado a non annerire. Unite olio, sale e pepe, se volete una consistenza più vaporosa un po'di philadelphia farà al caso vostro. Lavorate il tutto con una forchetta fino ad ottenere una crema, se siete pigri come me potete metter tutto direttamente nel frullatore senza porvi troppi problemi. :)
Potete usarlo come alternativa per un pinzimonio o servirlo con le classiche tortillas, le più apprezzate durante le partite in tv!

Conservate il guacamole in frigo prima di servirlo e non dimenticate il limone come ingrediente o annerirà!

martedì 23 ottobre 2012

Pollo laccato con senape di Dijon, miele e zenzero.

Primi freddi e grandissima nostalgia di Parigi... Il risultato è una ricetta di cosce di pollo francesizzata, uno dei tanti esperimenti inaspettatamente ben riusciti, un mix di sapori tradizionali e avvolgenti, con un tocco di brio asiatico dello zenzero. Il merito di questo esperimento va a tutti gli amici che dopo ogni viaggio possibile e immaginabile mi portano spesso e volentieri una senape speciale aromatizzata o naturale per la mia collezione, ebbene si, collezionare senapi da tutto il mondo può suonare strano ma vi assicuro che è estremamente utile in cucina!

Per 4 pers:
  • 8/10 cosce di pollo
  • 4 cucchiai di senape in grani (ne ho usata una aromatizzata al Cognac, ma una classica in grani andrà benissimo)
  • 4 cucchiai di miele di acacia
  • una grattata di zenzero fresco a piacere (facoltativo)
  • timo
  • mezzo bicchiere di Cognac
  • sale
Preparate la marinata unendo la senape, il miele e lo zenzero. Mettete la marinata in un sacchetto alimentare assieme alle cosce per farle insaporire, o se preferite in una ciotola coperta con della plastica, lasciate riposare in frigorifero almeno per mezz'ora.
Preriscaldate il forno a 210°C e mettete le cosce con la loro marinata su una teglia bagnandole con il cognac, salate leggermente e infornatele per 40/45 min, ricordandovi di girare il pollo di tanto in tanto, finché non vi sembrerà cotto e caramellato a dovere. Servite caldo e con un po' di timo.

venerdì 19 ottobre 2012

Crostatine al melograno per un buon compleanno!

La soluzione che da tempo aspettavate per preparare una crostata in meno di 15 min!
Quando non si ha tempo e si vogliono festeggiare le amiche come meritano qualche escamotage è più che concesso! Se siete di fretta e soprattutto non avete voglia di fare la frolla fatta in casa le basi pronte possono esser la soluzione: versatili, croccanti, visivamente gradevoli e perché no anche economiche rispetto al pasticcere! Il segreto sta nel dare un look "casalingo" al dessert e nessuno si accorgerà della differenza, provare per credere! : ) 


Per 10/12 crostatine al melograno:
  • 150 gr zucchero bianco
  • 75 gr farina
  • 4 tuorli d'uovo (suggerisco le uova "0" allevamento biologico a terra, sono migliori e le galline sono trattate dignitosamente)
  • 1/2 litro di latte intero (anche parzialmente scremato va benissimo, la crema resta solo un pochino meno densa)
  • 2 melograni sgranati
Per la crema pasticcera fate bollire il latte in un pentolino piuttosto grande. In una ciotola unite i tuorli, lo zucchero e la farina, amalgamate aiutandovi con una frusta da cucina, facendo attenzione a non lasciar grumi.
Unite il composto al latte e fate bollire mischiando continuamente finché la crema non sarà densa, indicativamente 3-5 min a fuoco moderato. Fate raffreddare la crema e versatene una cucchiaiata abbondante in ogni frolla, cospargete di melograno.

Buon compleanno Alessina!!!!!!

martedì 16 ottobre 2012

Pane integrale home made: primo esperimento!

Complici una giornata di pioggia in campagna e una macchina per fare il pane abbandonata, il resto è storia, si fa per dire. Sono stata sempre affascinata da tutti gli appassionati del metter le mani in pasta, dalle pagnotte dorate dalle mille forme che si vedono ancora in qualche piccola bottega, senza aspettarmi risultati paragonabili ho provato l'ebbrezza della macchina del pane! Mettete tutti gli ingredienti, attendete 3 o 4 ore e il risultato dovrebbe essere accettabile!


Per 1 kg di pane integrale:
  • 380 ml acqua temperatura ambiente
  • 600 g farina integrale
  • 1 cucchiaio latte (misurini americani table spoon)
  • 2 cucchiaini sale
  • 1 cucchiaio zucchero
  • 1 1/2 cucchiaio di olio d'oliva
  • 1 cucchiaino lievito di birra in polvere 
Semplicemente mettete tutto nella macchina seguendo le istruzioni. Le misurazioni devono esser molto precise o rischierete di trovarvi una mattonella di pane.


Le ricette online e sui libri non mancano, quella che vi ho dato è una base con cui potete sbizzarrirvi. Il pane fresco se avvolto nella pellicola argentata resiste fino a tre giorni. Il modo migliore di consumarlo è tostare le fette prima di servirle in modo che sia tiepido e croccante. Se leggete sulle confezioni dei pani classici del supermercato leggerete "trattato con alcool etilico", il che non è esattamente invitante, almeno così sarete sicuri di quello che mangiate!

venerdì 12 ottobre 2012

Chantarelle o finferli alla svedese, direttamente da Stoccolma!

Non avrei mai sospettato che gli svedesi fossero letteralmente pazzi per questo semplice piatto, lo consumano con gran gioia in ogni momento della giornata. I finferli o chanterelle sono sempre parte integrante di ogni loro menù, e in questo periodo sono persino più apprezzati del salmone marinato, difficile a credersi...
La ricetta non è delle più sane, se preferite potete farli semplicemente trifolati (saltati in padella con aglio , prezzemolo e olio). 

Bancarella di strada a Stoccolma strabordante di chantarelle!
Per un toast:
  • 60g finferli
  • una noce di burro
  • un cucchiaio di panna
  • prezzemolo tritato
  • un pizzico di concentrato di carne (facoltativo)
  • un goccio di vino bianco o marsala 
  • sale
  • pepe
  • una fetta di pane in cassetta


Friggete con una noce di burro il pane su entrambi i lati o se siete salutisti mettetelo a tostare in forno o nel tostapane.
Lavate accuratamente in funghi facendo attenzione a rimuovere ogni impurità e residuo di terra. Saltateli in padella con una noce di burro, vino, sale, pepe, concentrato di carne (se vi piace), mescolando spesso per una decina di minuti. Solo alla fine aggiungete la panna e il prezzemolo e servite caldi sul tostino.

martedì 9 ottobre 2012

In cucina con Vero! Paccheri alla Gricia, qui non si scherza!

Oggi sono in cucina con... Veronica!
Quando una ragazza piena d'idee dopo quasi dieci anni si ritrova in mano una vecchia scatola dei fili per scooby doo scopre un talento inaspettato e così nasce Pulse LV, il sogno nel cassetto di un'apprendista stilista-farmacista che scorrazza per Milano su una bici sgangherata con la prode Guendalina, la sua inseparabile cockerina. Ex calciatrice con un appetito fuori dal comune si diletta in esperimenti di cucina romana verace, complice il fidanzato, per l'appunto, romano.




In cucina con? Il frigo pieno, fantasia e il mio fido destriero a 4 zampe Gnomi, alias Guendalina!

Come hai cominciato a cucinare? Rifiutandomi di ordinare sempre dei take away quando invitavo degli amici a casa ai tempi del liceo.

Per chi ami cucinare? Per chi amo, nella speranza di stupire ogni volta!

Piatto preferito? Se fatto bene, un bel piatto di pasta al pomodoro è il migliore.

La tua massima in cucina? .."condito con la fame tutto é piú buono"!!

La tua ricetta di oggi? Pasta alla Gricia...pochi lo sanno ma la vera amatriciana è proprio questa!


Per 4 pers:

  • 400 g paccheri o altra pasta
  • 300 g di guanciale a cubetti o listarelle
  • 80 g pecorino romano grattugiato
  • acqua di cottura della pasta
  • abbondante pepe
  • sale
Rosolare il guanciale in una padella antiaderente fino a quando il suo grasso si scioglie lasciando un ottimo sughetto. Nel frattempo far bollire dell'acqua con del sale grosso (attenzione a non salare troppo perché sia il guanciale che il pecorino sono salati di loro).
Cuocere la pasta tenendo la cottura un po'al dente, prima di scolarla, tenere da parte un mestolo di acqua di cottura. Una volta scolata, saltarla in padella con il guanciale, allungando il sugo di quest'ultimo con l'acqua di cottura, amalgamando bene tutti i sapori.
Impiattare e grattugiare a volontà il pecorino (non si dovrebbe dire ma, in mancanza di pecorino, è ottima anche con il parmigiano).

venerdì 5 ottobre 2012

Orecchiette con pomodorini semi secchi, uvette, pinoli e basilico

Ultima scoperta tra i banchi del supermercato: i pomodorini semi secchi!!! Morbidi, dolci, un concentrato di profumi e sapori estivi. Probabilmente arrivo tardi rispetto a molti sull'argomento, in ogni caso l'ode al pomodorino è più che meritata! Ve li preparo in un primo piano velocissimo, letteralmente pronto in 4 min!

Per una pers:
  • 90g di orecchiette
  • una manciata di pomodorini semi secchi sottolio
  • un cucchiaio di pinoli
  • un cucchiaio di uvette
  • olio extravergine d'oliva
  • 4 foglie di basilico
  • aglio facoltativo


Fate bollire l'acqua per le orecchiette e salatela, intanto mettete a bagno in acqua tiepida le uvette, saltate i pinoli in padella senza aggiunger nulla per tostarli.
Cuocete le orecchiette un minuto meno rispetto al tempo indicato sulla confezione, scolatele e saltatele in padella a fuoco vivo con i pomodorini privati del loro olio, i pinoli tostati, le uvette ammorbidite e un filo d'olio, aglio se vi piace.
Impiattate e aggiungete il basilico fresco, un pizzico di peperoncino macinato e il gioco è fatto! Come promesso tutto pronto in 4 min!

martedì 2 ottobre 2012

M&m's cookies: ingrassando con allegria!

Miei cari vi svelerò una grande verità che probabilmente immaginavate... Ogni tanto è lecito se non necessario concedersi a un edonistico tripudio di grassi e zuccheri, ma sottolineo ogni tanto! Ogni tanto non vi farà ingrassare e aiuterà a sopravvivere alle giornate grigie e piovose. Me se ne abuserete i pantaloni inizieranno a non chiudersi... Quindi fate buon uso di questa ricetta iper calorica e non fatene un abitudine! Tenetela solo per i momenti di grande bisogno! :)
La ricetta che vedete qui mi è stata data da un'amica americana, che di cookies se ne intende, troverete la ricetta col dosaggio americano e anche i quantitativi in grammi per facilitarvi!


Per 12/15 cookies:
  • 100 g burro a temperatura ambiente
  • 1/2 tazza di zucchero semolato (100g)
  • 1/4 tazza di zucchero di canna (55g)
  • 1 uovo
  • 1 tazza e 2 cucchiai di farina (145g)
  • un pizzico di sale
  • 1/2 cucchiaino di lievito
  • 200g di m&m's o quello che preferite
Preriscaldate il forno a 180°C. Lavorate il burro e i due tipi di zucchero in una ciotola o nell'impastatore a vostra scelta. Aggiungete l'uovo cercando di incorporarlo al meglio. Unite la farina, il sale e il lievito e impastate cercando di non lavorare troppo il tutto.
Disponete su una teglia imburrata un cucchiaio per volta d'impasto, cercando di distanziare ogni biscotto perché l'impasto crescerà molto. Decorate ogni biscotto come più vi piace con gli m&m's.
Infornate per 10 min circa e attendete che i biscotti si raffreddino. Non so spiegarvi esattamente perché ma il giorno dopo sono ancora più buoni!