venerdì 29 novembre 2013

Bucatini al ragù di triglie! (una vera libidine! cit.)

Ogni tanto il richiamo della pasta è inarrestabile e in tal caso non c'è pasta corta che tenga! Si parla di spaghetti, bucatini, linguine o taglierini ma il punto fermo è che si debbano arrotolare facendone dei bocconi spropositati, in barba alle buone maniere! Una delle ricette che meglio si presta a ciò, è il ragù di triglie, un piatto unico di tutto rispetto e anche piuttosto semplice se si trovano i filetti di triglia già puliti, altrimenti potete far notte tra una lisca e l'altra, fidatevi...


Per 4 pers:
  • 350 g di bucatini o spaghetti
  • 300 g di polpa pronta di pomodoro
  • 500 g di triglie o 300-350g di filetti di triglia (esistono già puliti e surgelati)
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • 1 spicchio d'aglio
  • 1 peperoncino secco
  • 1 cucchiaino di pasta d'acciughe (facoltativo)
  • 3 cucchiai d'olio d'oliva
  • sale e pepe
Pulite le triglie (operazione noiosissima e inutilmente complicata) o usate dei filetti di triglia già pronti e puliti (vivamente consigliati). Una volta ottenuti i filetti cuoceteli in padella con l'olio d'oliva, la pasta d'acciughe, l'aglio e il peperoncino. Appena i filetti saranno bianchi dal lato della polpa e rosso vivace dalla parte della pelle, dopo 5-6 minuti, versate il vino bianco per sfumare e attendete fino a quando sarà totalmente evaporato. A quel punto spezzettate i filetti e aggiungete la salsa di pomodoro.
Fate cuocere il pomodoro per una decina di minuti e regolate il sale e il pepe. Se il sugo dovesse esser troppo acido un pizzico di zucchero è la soluzione ideale.
Cuocete la pasta in abbondante acqua salata e tenetela al dente, mettete da parte un bicchiere d'acqua di cottura, saltate la pasta nel sugo e servite immediatamente!

8 commenti:

  1. Ciao, arrivo ora dal blog di Chiara. Adoro la pasta e questi spaghetti sono davvero irreistibili. complimenti per le favolose ricette del tuo blog. Un saluto, buona giornata Daniela.

    RispondiElimina
  2. carissima Arnalda, arrivo dal blog di Chiara e dalla sua rubrica Blog Got's Talent ... come sempre Chiara fornisce preziosi indirizzi! E' un piacere conoscerti e leggere le tue proposte, complimenti. Hai un bel blog, raffinato e ricco di interessantissimi spunti. Felice giornata e a presto, Clara

    RispondiElimina
  3. Ciao cara.. arrivo dritta dritta dal blog della nostra Chiara! Piacere di conoscerti e complimenti per le scelte che hai fatto nella tua vita.. ci vuol coragio! Ottimo questo piatto di bucatini.. In casa siamo dei pastari.. e adoriamo i primi di pesce..Io son negata a cucinare il pesce e da noi ci pensa il mio fidanzato.. mentre io mangio! :-) Buona giornata

    RispondiElimina
  4. Ciao piacere, vengo dal blog di Chiara.
    Sì, sono d'accordo questo ragù è una vera libidine.

    RispondiElimina
  5. hai ragione, la triglia è un pesce saporito, a me piace, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  6. Ciao vengo dal blog di Chiara.Complimenti per le tue ricette e la tua determinazione ciao ti seguo molto volentieri

    RispondiElimina
  7. Personalmente adoro le triglie, quelle di fango e non solo hanno un sapore tutto loro.
    Mi piaccio in qualsiasi modo, e per Natale non sempre le faccio passate in tegame diciamo fritte e poi le condiscono con una salsina di gorgonzola non mascarponato e, non copre il sapore della triglia. Il ragù non l'ho ancora provato e trovo le triglie si pulite ma surgelate pazienza perchè di pulire a crudo non se ne parla.
    Sono una concittadina di Chiara,. Mi sono aggiunta, like su face li sono come Gisella Edvige Bonazzi e da una gourmet s'impara sempre,. Buona serata.

    RispondiElimina
  8. mi fa piacere che tante mie amiche siano passate a trovarti, un abbraccio

    RispondiElimina