venerdì 29 novembre 2013

Bucatini al ragù di triglie! (una vera libidine! cit.)

Ogni tanto il richiamo della pasta è inarrestabile e in tal caso non c'è pasta corta che tenga! Si parla di spaghetti, bucatini, linguine o taglierini ma il punto fermo è che si debbano arrotolare facendone dei bocconi spropositati, in barba alle buone maniere! Una delle ricette che meglio si presta a ciò, è il ragù di triglie, un piatto unico di tutto rispetto e anche piuttosto semplice se si trovano i filetti di triglia già puliti, altrimenti potete far notte tra una lisca e l'altra, fidatevi...


Per 4 pers:
  • 350 g di bucatini o spaghetti
  • 300 g di polpa pronta di pomodoro
  • 500 g di triglie o 300-350g di filetti di triglia (esistono già puliti e surgelati)
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • 1 spicchio d'aglio
  • 1 peperoncino secco
  • 1 cucchiaino di pasta d'acciughe (facoltativo)
  • 3 cucchiai d'olio d'oliva
  • sale e pepe
Pulite le triglie (operazione noiosissima e inutilmente complicata) o usate dei filetti di triglia già pronti e puliti (vivamente consigliati). Una volta ottenuti i filetti cuoceteli in padella con l'olio d'oliva, la pasta d'acciughe, l'aglio e il peperoncino. Appena i filetti saranno bianchi dal lato della polpa e rosso vivace dalla parte della pelle, dopo 5-6 minuti, versate il vino bianco per sfumare e attendete fino a quando sarà totalmente evaporato. A quel punto spezzettate i filetti e aggiungete la salsa di pomodoro.
Fate cuocere il pomodoro per una decina di minuti e regolate il sale e il pepe. Se il sugo dovesse esser troppo acido un pizzico di zucchero è la soluzione ideale.
Cuocete la pasta in abbondante acqua salata e tenetela al dente, mettete da parte un bicchiere d'acqua di cottura, saltate la pasta nel sugo e servite immediatamente!

martedì 26 novembre 2013

Cornetti super easy ripieni di confettura alle fragole.

Per chi ha provato a preparare in mille modi i cornetti in casa senza risultati troppo positivi, ecco la soluzione più semplice e rapida che esista! Un foglio di pasta sfoglia in frigorifero è il vero jolly, sia che ne vogliate fare dei cornetti o una torta sia dolce che salata. Dopo aver provato questa ricetta non comprerete mai più una terribile confezione di brioches surgelate!


Per 8 mini cornetti:
  • 1 foglio di pasta sfoglia pronta (tonda)
  • 4 cucchiai di confettura alle fragole o a qualunque altro gusto
  • 1 cucchiaio d'acqua
Scaldate il forno a 180°C e mentre attendete che arrivi in temperatura preparate i cornetti.
Tagliate la pasta sfoglia in otto spicchi, dividendola prima in quarti e poi ancora a metà. Mettete mezzo cucchiaio di confettura sull'esterno di ogni triangolo ottenuto, arrotolandolo su se stesso verso la punta. Chiudete le due estremità con una leggera pressione e ripiegatele in modo che la marmellata non fuoriesca in cottura. Per esser certi che la pasta mantenga la sua forma bagnate leggermente la superficie della sfoglia sotto la punta del triangolo e applicate una leggera pressione.
Disponete i cornetti ben distanziati su una teglia con della carta da forno e infornate per 20-25 min (meglio se il forno è ventilato) fino a quando avranno preso un bel colore dorato.
Gustateli tiepidi facendo attenzione a non bruciarvi con il ripieno.

mercoledì 13 novembre 2013

Rebelot: se le tapas parlano milanese!

L'ormai storico Pont de Fer sul Naviglio raddoppia con un fratello minore di tutto rispetto. Il Rebelot (tradotto dal milanese fare confusione, un macello) è un locale molto dinamico dove piccoli piatti in stile "tapas milanese" sono serviti con dei cocktail preparati con grande maestria. I piatti cambiano al mutare delle stagioni ma è sempre possibile assaggiare 3,4 o 6 piatti a scelta o optare per dei singoli piatti più abbondanti.
Tutte le tapas hanno giochi di consistenze intriganti, alternanze e contrasti di temperatura. Più che tapas sono vere e proprie piccole creazioni gastronomiche.


Oltre a questi piattini invitanti i cocktail sono ottimi (di solito non mi sbilancio troppo), direi quasi ineccepibili e serviti alla temperatura giusta: quella polare! Spesso per mantenere la temperatura più bassa alcuni drink sono serviti in bicchieri di metallo. La selezione di Gin, se vi piace questo alcolico, è molto molto estesa e in lista c'è un cocktail a base di gin e rosmarino fuori dal comune, così ben equilibrato da non rendersi conto di quanto sia forte in realtà: da provare!!!


Il locale è composto da due stanze molto accoglienti con mattoni a vista e legno antico, il mood è quello di una vecchia bottega con tratti d'arredamento industriale. Se siete dei veri appassionati di food il mio consiglio è di prenotare al bancone che dà direttamente sulla cucina, il vero cuore del Rebelot, dove potrete scoprire qualche trucco da chef e scambiare qualche parola con gli artefici di queste meraviglie. Mentre se siete degli aspiranti barman andate diretti al bar per vedere cosa non sono in grado d'inventarsi... Seguite i consigli dei camerieri e sono certa che farete ritorno più e più volte in questo posto!


Rebelot del Pont
Ripa di Porta Ticinese, 55 Milano (Navigli)
Tel: 342 1933607
Lun-Dom 18-23. Chiuso il martedì (cani benvenuti!)
Tapas da 5-15€ cocktail 8€