mercoledì 10 giugno 2015

Lovster & Co: il primo lobster restaurant della città!

Milano come New York e Londra, finalmente! Sì, perché dopo il boom dell'hamburger ora è lobster mania, e il lobster roll la fa da padrone tra tutti i panini. Trovarne uno fatto esattamente come si deve al giusto prezzo (15€) non è stato semplice ma alla fine l'ho scovato in zona Repubblica da Lovster & Co. Il pane deve esser dolce, l'astice a pezzettoni, non sminuzzato come spesso succede, poi servono patatine fritte in gran quantità e il burro all'aglio, elemento fondamentale! In realtà è la qualità dell'astice che fa la differenza, qui arrivano vivi direttamente dal Maine dopo sole 90 ore dalla pesca. Il resto del menu gira attorno all'astice declinato in mille versioni: alla griglia, al vapore, Catalana, tempura, le linguine o il Surf & Turf metà astice e metà filetto Irlandese.


Il nome Lovster è già indicativo Love (Amore) e Lobster (Astice), e se avete voglia di astice siete proprio nel posto giusto. Non esiste antipasto, primo o secondo ma solo grandi piatti di quelli che quando li vedi arrivare sorridi, belli e abbondanti, non le micro porzioni che sono tanto "trendy" e tanto mi infastidiscono. A mezzogiorno nel menù ci sono molte proposte gustose e ben presentate con un menu a 8€, per esser in centro è sbalorditivo, infatti è sempre stracolmo. Meglio arrivare un attimo prima dell'ora di punta per trovare posto.


Il posto è rilassato e accogliente le pareti hanno mattoni a vista e soprattutto se mangiate con le mani nessuno vi guarda male, anzi sono ben felici di porgervi il bavaglione salva camicia! Con la bella stagione ha aperto un ampio cortile interno dove mangiare al fresco per un attimo di relax. Direi un ottimo locale dove l'astice è ottimo e alla portata di tutti. Approvato!

Via Caretto 4 Milano
Tel 02.91676747
Mezzogiorno 8-20€ Sera 25€ a piatto

venerdì 5 giugno 2015

Pizza fritta per "far fuori" tutti gli avanzi

So già che i cultori della pizza mi odieranno ma nei miei giri al supermercato mi sono imbattuta più e più volte in strani impasti per pizza, perché diciamocelo, non tutti hanno il tempo di attender che l'impasto lieviti. Così mi sono messa a sperimentare un po'di prodotti e per quanto riguarda la pizza fritta con l'impasto pronto viene che è una meraviglia. Non avrei mai pensato ma è così. Parlo degli impasti semiartigianali, la pasta per pizza che vendono nella vaschetta bianca o nei sacchetti, non quella già stesa!!! Si lascia una quindicina di minuti all'aria ed è pronta all'uso! Nella pizza cotta al forno qualche differenza si percepisce ma nella pizza fritta no.
E' la classica ricetta ideale per "far fuori" gli avanzi, la pizza fritta si può vestire in mille modi, potete usare quelle due fette di prosciutto rimaste in frigo o quel formaggio che sta per scadere e che buttarlo è un peccato e quel sugo di pomodoro che è troppo poco per condire la pasta.
  

500 g di pasta per pizza per circa 8 pizzette:
  • 500 g di pasta pronta per pizza
  • sugo cotto di pomodoro, quello che vi è avanzato dagli spaghetti della sera prima è perfetto
  • parmigiano o pecorino grattugiato
  • origano secco (ne ho preso al supermercato uno di Pantelleria che è insuperabile!)
  • sale
  • olio per friggere 

Prendete 50-80 g d'impasto per volta e stendetelo grossolanamente, allargatelo bene e quando avrà una forma ovale mettetelo a friggere nell'olio ben caldo. Vedrete che si gonfierà in un attimo, attendete che sia bello dorato e appoggiatelo sulla carta da cucina per assorbire l'olio. A questo punto non si deve far altro se non vestire la pizza fritta con quello che si vuole. Qui l'ho preparata con sugo di pomodoro, parmigiano e origano, ma non fatevi intimidire dalle ricette più classiche, osate senza timore e ricordate che potete anche tagliarla a metà come fosse un panino e farcirla.