mercoledì 24 febbraio 2016

48 ore a Bangkok: tutte le dritte per gustarvi la città!

Trafficata, rumorosa e caotica  sono le prime cose che si sentono dire sempre su Bangkok. Ma questa città è anche segreta, energica e sofisticata, basta sapere dove cercare.
Per questo ho chiesto ad amici del posto prima di partire e ho integrato il mio viaggio con tutte le cose che amo!
Sui mercati di Bangkok aprirei una parentesi speciale: il mercato dei fiori è imperdibile, qui preparano le collane e le composizioni da offrire a Buddha, l’aria profuma di gelsomino. Le donne intrecciano ghirlande colorate come se stessero ricamando. China town è sempre un luogo per chi non si impressiona facilmente, adesso nel periodo del capodanno cinese dà il suo meglio. Se volete vedere gli eccentrici ladyboy spesso vendono alimenti in questa zona. Qui troverete anche street food tipo cavallette e scorpioni.
Gli altri mercati sono più o meno equivalenti, in ogni quartiere ne fioriscono decine, i thailandesi non hanno ancora perso l’abitudine di fare la spesa quotidianamente. Frutta e verdura sono sensazionali.


I templi da vedere sono parecchi ma risparmiatevi il palazzo reale perché è veramente troppo affollato. Non sono resistita più di dieci minuti!
Il Buddha reclinato di 50 metri a Wat Pho e’ da vedere, all’interno del tempio in cui è costruito c’è la più famosa scuola di massaggi, di base si paga poco per far da cavie agli studenti. Da provare.
La collina d’oro è l’angolo ideale per trovare pace nel caos della città, i monaci hanno pure il Wi-Fi.
La casa dell’inglese Jim Thompson è il luogo ideale per sognare la Thailandia nel periodo del colonialismo. Tutto è rimasto identico e c’è una piccola collezione di arte antica locale e un negozio di sete niente male. Qui affianco troverete tutti i mall più famosi della città come Mbk e Siam center, sono un’accozzaglia di merce più o meno originale e tanta tecnologia, anche se non mi fiderei molto ad acquistare qui.
La casa di teak nel parco del Dusit è affascinante come costruzione ma gli interni e gli arredi di cui vanno tanto fieri non sono veramente niente di che perché sono di stile occidentale, se non avete tempo basta uno sguardo dall’esterno.


Durante il giorno ci sono molti caffè in cui mangiare, se scegliete le bancarelle di strada scegliete sempre le più affollate e quelle che cuociono il cibo al momento.
Il migliore ristorante che ho provato è Never ending summer, un thai a tratti fusion in una vecchia fabbrica di confetture. Sembra uno di quei locali super cool di Berlino est e il conto è veramente molto contenuto. Le due specialità sono il manzo australiano e i softshell crab.
Bangkok è la città giusta in cui sperimentare l’alta cucina. I ristoranti più cari sono sui 30€, il paradiso dei foodie.
I bar giusti per la sera sono lo Sky bar del Lebua, chiamato anche Scirocco e diventato famoso con uno dei film Notte da Leoni. Il Moon bar è stato il primo bar panoramico della città.
La zona di PatPong, quella a luci rosse per intendersi, non ha nulla di trasgressivo o interessante è semplicemente squallida. Merita invece una visita il Ratchadamnoen Stadium, più volte alla settimana dalle 18,30 alle 22 si disputano gli incontri di thai boxe. Prenotate il primo o il secondo anello se volete godervi gli incontri, non il terzo o sarete dietro una rete in mezzo ai più accaniti scommettitori. Nonostante tutti i combattenti siano dei pesi piuma fanno delle cose eccezionali, e’ un’esperienza molto coinvolgente ritmata da un’ipnotica musica dal vivo.

Qualche suggerimento per render più semplice il viaggio. Usate sempre i taxi ( con il tassametro o meter attivo) o il traghetto entrambi costano sui 2-3€, i tuktuk sono carissimi, bisogna trattare e in genere vi lasciano sempre nel posto sbagliato.
Se visitate dei tempi usate dei pantaloni o gonne lunghe per non dovervi ritrovare a indossare delle stole luride. In Thailandia per visitare i templi basta levare le scarpe i regolamenti non parlano di calze, quindi le calze saranno la vostra salvezza!
Quando avete caldo ricordatevi che i traghetti sono un ottimo metodo per spostarsi e rinfrescarsi allo stesso tempo.

Nessun commento:

Posta un commento